Voci
Il pericolo di curare l’ostrica

Una riflessione sul sionismo a partire da Yom Ha’atzma’ut

Cari amici,

un articolo ha cambiato radicalmente la mia visione del sionismo.

Dal momento che sono cresciuto in un ambiente fortemente sionista, da casa mia alla scuola campeggio, con la certezza che Israele fosse un paese modello che non poteva sbagliare, l’articolo in questione avrebbe dovuto mandarmi in crisi, e forse anche minacciare il mio attaccamento all’idea sionista. Eppure, è accaduto l’esatto contrario.

Il pezzo in questione si intitola “The Cost of Curing an Oyster”, ed è un breve articolo di Isaiah Berlin che ho incontrato per la prima volta durante il college.  Berlin paragonava l’esilio degli ebrei a una malattia, scrivendo che “Un popolo condannato a essere una minoranza ovunque, dipendente dalla benevolenza, dalla tolleranza o dalla pura inconsapevolezza della maggioranza, ma reso consapevole della sua condizione insicura, del suo costante bisogno di piacere, o almeno di non dispiacere… non può raggiungere il pieno sviluppo né individualmente né collettivamente”.

L’esilio, diceva, crea distorsioni della personalità: auto-isolamento, ansia, difensività aggressiva. È vero, la posizione peculiare degli ebrei come minoranza ai margini della società ha portato a opere di genio, come quelle di Kafka, Freud e Heine. Quando la tua vita dipende dalla comprensione dei capricci della maggioranza, sviluppi una visione chiara e critica di quella maggioranza, una prospettiva da outsider. Ma quell’intuizione più profonda che alcuni individui dotati hanno avuto, è stata “pagata con sofferenze indicibili di intere comunità” e “non poteva essere accettata come naturale o inevitabile”, ha sostenuto Berlin. L’esilio ha sottoposto gli ebrei alla malattia mentale, e questo, come la malattia mentale a volte fa, ha prodotto opere di genio. Ma a quale costo?

E qui, Berlin ha scelto una metafora non casher, ma appropriata, per gli ebrei: l’ostrica. “Centinaia di migliaia di ostriche” scriveva Berlin “soffrono della malattia che occasionalmente genera una perla. Ma supponiamo che un’ostrica vi dica: ‘Desidero vivere una vita ordinaria, decente, contenta, sana, da ostrica; anche se potrei non produrre una perla. Sono pronto a sacrificare questa possibilità per una vita senza malattie sociali; una vita in cui non ho bisogno di guardarmi alle spalle per vedere come appaio agli altri”.

Molti intellettuali che amavano sinceramente gli ebrei – e molti ebrei, come George Steiner che scrisse un saggio seminale intitolato “La nostra patria, il testo” per criticare il nostro ancoraggio in un pezzo specifico di terra – salutarono la creazione di Israele con sentimenti contrastanti. Sentivano che avrebbe privato il mondo delle “perle” prodotte dagli ebrei. Pensavano che il fatto che gli ebrei avessero uno stato li avrebbe costretti, per forza di cose, nel regno del concreto e li avrebbe costretti ad affrontare i problemi “normali” di qualsiasi stato. Gli ebrei avrebbero quindi perso la loro capacità unica di guardare la società “dall’esterno”, e il mondo intero avrebbe perso.

Gli ebrei possono essere stati le ostriche, producendo perle a beneficio del mondo, ma qualcuno chiede all’ostrica se vuole, acconsente o gode di questo ruolo? Ed è qui che è arrivata la mia epifania: Israele è la rivolta delle ostriche stufe che chiedono la normalità. Prima di leggere Berlin, pensavo che l’esistenza di Israele fosse giustificata dalla sua unicità: i suoi contributi fuori misura al mondo, il suo avere “l’esercito più morale del mondo”. Sì, è bello aver creato l’irrigazione a goccia, il microprocessore e Waze, e mi rallegro che i soldati dell’IDF operino con standard etici più alti di molti altri eserciti, ma il valore di Israele per me è che non ho bisogno di giustificare la mia esistenza con il mio valore per gli altri. Nessuno dice che la legittimità del Canada si basa sul fatto che i canadesi hanno scoperto l’insulina (scommetto che non lo sapevate – è stato nel 1921 all’Università di Toronto). Questo perché il Canada è un paese “normale” che semplicemente esiste e non sente l’ansia di giustificare la sua esistenza. Non è un paese in prova. Mi sembra che, in un certo senso, molti abbiano semplicemente trasferito la dinamica dell’ostrica dagli ebrei come popolo a Israele come stato ebraico. Vogliono che Israele sia per le nazioni del mondo quello che gli ebrei sono per la gente del mondo: sempre diverso, sempre bisognoso di giustificare la sua esistenza con risultati fuori misura e contributi sproporzionati.

Così questo Yom Ha’atzma’ut non celebro i risultati eccezionali di Israele, anche se ce ne sono molti. In realtà, li ignoro volontariamente. Sapete cosa festeggio? Che si possa celebrare una festa ebraica senza dover chiedere un giorno di vacanza, che si possa litigare con il vicino di casa senza preoccuparsi che giudichi tutti gli ebrei in base a quel comportamento, che non si debba avere una permanente, assillante sensazione di essere diversi, che gli ebrei abbiano finalmente diritto ai propri errori e alle proprie conquiste, e sì, il diritto di sbagliare alla grande, come molte volte facciamo.

L’obiettivo decisamente epico del sionismo è questo: curare l’ostrica. Iniziare il lento ma liberatorio processo di guarigione della malattia dell’esilio e dell’autocoscienza patologica. Come disse splendidamente Ben Gurion, “essere come tutti gli altri popoli, godendo dell’autodeterminazione nella sua nazione sovrana”. Tutto il resto – i Wazes, le conquiste mediche, l’alta tecnologia, i premi Nobel – tutto questo è un bel bonus, ma non ne ho bisogno.

Certo, vogliamo che Israele sia unico. E anche i più ardenti sostenitori del sionismo della “normalizzazione” erano forti sostenitori della creazione di una società modello che avrebbe combinato il meglio dei valori etici ebraici con i progressi della democrazia liberale e della scienza moderna. Loro, come me, volevano che Israele fosse un “or lagoyim”, una luce per le nazioni, ma non era una condizione. Naturalmente, portiamo i nostri valori e la nostra esperienza storica nella configurazione del nostro stato – come i Pellegrini, avendo sofferto persecuzioni religiose, hanno impresso la nozione di libertà religiosa nel DNA dell’America.

Mi piacerebbe vedere un Israele guidato dai valori umanistici che le nostre fonti e la nostra storia di persecuzione ci hanno lasciato in eredità. Sarebbe un peccato essere “pienamente” normali. Tutti i pensatori sionisti avevano un’inclinazione utopica, come i pellegrini americani pensavano a una “città splendente su una collina”. Anche se Israele “condivide tutte le fragilità comuni dell’umanità”, come ha detto Berlin, è comunque un enorme passo avanti nella storia del popolo ebraico. Il mio Israele non ha bisogno di essere un tempio sacro dedicato al progresso dell’umanità. Mi basta avere un posto in cui posso rilassarmi, abbassare la guardia della mia autocoscienza di ebreo e non preoccuparmi di rappresentare sempre una minoranza. Un posto in cui non devo spiegare perché non mangio gamberi (o ostriche!), o perché sono così sensibile alle “battute sugli ebrei”, o preoccuparmi del mio esatto posto nella società. Un posto, come diceva Hegel quando parlava della definizione di libertà, dove “essere a casa con tutto se stesso”, mettere i piedi sul tavolino senza preoccuparsi di cosa direbbe il vicino.

Grazie, Israele, per i pomodori ciliegia e i premi Nobel, ma ciò che più celebro oggi è il sobrio miracolo della normalità.

 

Andrés Spokoiny
collaboratore

Presidente e CEO di Jewish Funders Network, è un leader comunitario di lunga data è stato CEO della Federazione CJA a Montreal e, prima di questo, ha lavorato per l’American Jewish Joint Distribution Community (JDC) a Parigi. In qualità di direttore regionale per l’Europa nordorientale, è stato responsabile di una serie di progetti paneuropei.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *