Cultura
Quattro grandi illustratori raccontano (le proprie) storie di migrazioni

Quattro narrazioni per immagini, dal 1911 a oggi, in mostra a New York

Quattro storie personali, intime, famigliari che raccontano di migrazioni. Quattro lavori dettagliati, fatti di piccoli oggetti – madelaine, ma anche di visioni e sentimenti. Perché Frances Jetter, David Macaulay, James McMullan e Yuyi Morales sono illustratori. E ora i loro lavori originali vanno in mostra al Norman Rockwell Museum di New York sotto il titolo di Finding Home: Four Artists’ Journey. Un percorso ad alto tasso poetico per immergersi nelle profondità dei loro viaggi. Quelli che segnano un nuovo inizio, un cambio radicale di vita, danno un’altra prospettiva sul mondo. Un indirizzo nuovo, lontano, sradicato dal prima, da tutto quanto aveva fatto casa fino a quel momento. Ecco, il titolo è inequivocabile: luoghi altri dove trovare la propria casa. Il proprio stare.

Così Frances Jetter racconta la storia del nonno che nel 1911 lasciò la Polonia, ancora sotto l’impero russo, in un lavoro denso, pieno di amore, dal titolo Amalgam. Ci ha messo dieci anni (e svariati altri lavori per il New York Times, il Washington Post e altre testate) a terminare questo cantiere di storia famigliare, che si immerge nel partito dei lavoratori per arrivare alla sua personale esistenza, lungo un racconto visivo che condensa tutti i linguaggi di Jetter, dalle stampe ai disegni.

 

La sua storia personale di migrazione verso gli Stati Uniti si mescola a quella della tecnologia che ha reso possibili i viaggi transoceanici. Si tratta del lavoro di David Macaulay intitolato Crossing on time: steam engines, fast ships, dove la curiosità dell’autore si traduce in uno studio dettagliatissimo dei sistemi di navigazione dell’epoca e dell’ingegnere che per primo li mise a punto, insieme alla storia della sua famiglia. Il risultato è un diario per immagini tra realtà e meraviglia.

 

Questa volta siamo in Cina, luogo di nascita dell’autore di queste immagini, James McMullan. Che in un memoir ripercorre le tappe fisiche e sentimentali dei continui viaggi che lui e la madre hanno fatto al seguito del padre, membro delle forze alleate durante la Seconda Guerra Mondiale: Shanghai, San Francisco, Vancouver, Darjeeling. Il tutto in forma di acquarelli, sotto il titolo Leaving China.

 

Yuyi Morales nel 1994 ha abbandonato il Messico con il suo bambino per raggiungere gli Stati Uniti, lasciando tutto quello che aveva. Non parlava inglese all’epoca, ma trova rifugio in un luogo inaspettato, la Public library di San Francisco. E lì, immersa nei libri, comincia a trovare la strada per creare la sua propria casa. Di tutto questo racconta in Dreamers, una storia senza tempo, eppure estremamente contemporanea, che racconta di risorse personali, forza, creatività e coraggio.

Finding Home: Four Artists’ Journey, Normann Rockwell Museum, New York, dal 9 novembre al 25 maggio 2020. Il giorno 10 alle ore 11 saranno presenti gli artisti per un incontro con il pubblico.

Micol De Pas

È nata a Milano nel 1973 e da quando ha cominciato a scrivere, non ha più smesso (compulsivamente) di farlo. Giornalista, autrice, spesso ghostwriter, lavora per il web e diverse testate cartacee.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *