Joi with News
Uniti contro il razzismo e l’antisemitismo

Nasce nel mondo dello spettacolo statunitense la Black-Jewish Entertainment Alliance

Una dichiarazione di unità con l’obiettivo di migliorare le relazioni tra neri ed ebrei, contrastando il razzismo e l’antisemitismo nel mondo dello spettacolo. È questo il doppio obiettivo del Black-Jewish Entertainment Alliance (BJEA), il patto già firmato da oltre 170 professionisti del mondo dello spettacolo neri ed ebrei e lanciato in coincidenza con l’apertura del mese che ricorda negli Usa e in Canada la diaspora africana, il Black History Month.
Come si legge sul sito web dell’organizzazione, blackjewishentalliance.com, si tratta di uno sforzo “per riunire le due comunità in solidarietà, per sostenersi a vicenda nelle rispettive lotte e per comprendere meglio la situazione e le narrazioni reciproche”.

Tra i firmatari della dichiarazione, alla quale aveva fatto in tempo ad aderire anche il giornalista e conduttore Larry King, da poco scomparso, figurano gli attori Billy Porter e Jeremy Piven, l’attrice e produttrice Mayim Bialik, la star di “Seinfeld” Jason Alexander, il regista e produttore Antoine Fuqua, la produttrice e personaggio televisivo Sharon Osbourne, il musicista Gene Simmons dei Kiss e l’amministratore delegato della Warner Records e co-presidente Aaron Bay-Schuck. Secondo il dirigente Warner, questa associazione “farà sentire le voci nella comunità dell’intrattenimento che possono aiutare il pubblico a comprendere meglio le cause, le manifestazioni e gli effetti del razzismo e dell’antisemitismo”.

Scorrendo i nomi di quanti hanno risposto all’appello, non sfuggono quelli del controverso rapper e attore nero Nick Cannon, duramente contestato l’anno scorso per aver fatto commenti antisemiti durante un podcast, e quello di Kosha Dillz, rapper ebreo di New York. Dillz, il cui vero nome è Rami Matan Even-Esh, lo scorzo 27 gennaio ha partecipato alla conversazione online  tra il sopravvissuto all’Olocausto Sami Steigman e l’artista hip-hop Lupe Fiasco, che in passato aveva affrontato polemiche per aver scritto testi antisemiti. Intervistato da Forward, Rami Matan Even-Esh ha affermato che sforzi come la Black-Jewish Entertainment Alliance sono essenziali per combattere “un enorme malinteso tra queste comunità”, esprimendo la speranza che la dichiarazione di unità e la sottoscrizione del patto possano portare a un cambiamento positivo.

Lanciata questo mese con pubblicità a tutta pagina su Billboard e Variety (che tra l’altro ne parla nella sua edizione online), l’iniziativa sarà celebrata anche da una serie di eventi come il webinar del 17 febbraio, “Diverse Voices: Growing up Both Black and Jewish”, con la cantautrice Autumn Rowe, l’ex giocatore di basket professionista David Blu e l’artista Bourn Rich moderati da Tiffany Harris, responsabile dell’organizzazione Moishe House. Tra gli appuntamenti in programma per questo mese anche il confronto “United Through Music, a Discussion on Black-Jewish Collaboration Through the Years”, che vedrà la partecipazione di Osbourne, di Simmons e del musicista Stanley Clarke.

Tutte le informazioni sul sito

 

Camilla Marini
collaboratrice

Camilla Marini è nata a Gemona del Friuli (UD) nel 1973, vive a Milano dove lavora da vent’anni come giornalista freelance, scrivendo prevalentemente di cucina, alimentazione e viaggi. Nel 2016 ha pubblicato la guida Parigi (Oltre Edizioni), dove racconta la città attraverso la vita di otto donne che ne hanno segnato la storia.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *