L'agenda di Joi
Voci
A proposito dei Nomi di Dio

Riceviamo e pubblichiamo un commento al nostro articolo sul tema dall’Ufficio stampa della Comunità Ebraica di Roma

Riportiamo il testo della lettera che abbiamo ricevuto con preghiera di pubblicazione dall’ufficio stampa della Comunità Ebraica di Roma

Gentile Redazione,

La presente per segnalare che l’articolo “Tradurre il nome di D-o”, pubblicato il giorno 16 giugno risulta offensivo e poco rispettoso della sensibilità ebraica.
Dei nomi divini e delle loro traduzioni se ne occupa diffusamente la tradizione esegetica e intensamente quella mistica. Rappresenta, allo stesso modo, un argomento decisivo nella critica biblica e spesso diventa attualità in alcuni best seller di dubbio valore scientifico.
Nell’articolo viene tralasciato un aspetto altrettanto rilevante. Nel popolo ebraico, anche per chi è “non credente” o di vario livello di ortodossia, di solito si fa molta attenzione a come trattare il tema del Nome, con la maiuscola, che esige rispetto, quale ne sia la pronuncia o la grafia in trascrizione consonantica o vocalizzata. Ben vengano le spiegazioni sul significato, la storia e le interpretazioni dei Nomi, ma si faccia attenzione a non oltrepassare la linea rossa che separa la sensibilità ebraica, anche la più laica, dalle modalità espressive di altre culture, spesso di area protestante. Che con l’uso disinvolto di espressioni, sotto la copertura del linguaggio critico scientifico, risultano irrispettose non solo di ciò che il Nome rappresenta, ma di un’intera cultura.

L’Ufficio Stampa


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *