L'agenda di Joi
Cultura
Allarme dagli Stati Uniti: nessuno studia più l’ebraico

Le iscrizioni ai corsi di ebraico nei college americani stanno calando drasticamente: un fenomeno irreversibile?

Forward.com racconta in un dettagliato articolo che negli Stati Uniti le iscrizioni ai corsi di ebraico nei college stanno calando drasticamente, e questa spirale discendente potrebbe presto avere effetti profondi sulla comunità ebraica americana.

Le iscrizioni in ebraico moderno sono diminuite del 17,6% tra il 2013 e il 2016, secondo un rapporto della Modern Languages ​​Association, mentre il “Biblical Hebrew” ha subito un calo del 23,9%.

Questi sono numeri sorprendenti, spiega Forward e arrivano in un momento in cui gli studenti americani in generale stanno abbandonando lo studio della lingua con un calo complessivo del 9,2% delle iscrizioni in lingue straniere nei college e nelle università americane. Ma all’interno di questo contesto, l’ebraico ha sofferto molto più delle altre lingue.

Queste statistiche, prosegue Forward, raccontano solo una parte della storia, perché l’ebraico è più di una tradizionale “lingua straniera” per gli ebrei. La lingua ebraica è la porta d’accesso per le preghiere, la Torah e altri testi ebraici fondamentali. Non solo: senza l’ebraico, gran parte della cultura israeliana contemporanea è semplicemente inaccessibile…

Gianni Poglio

Giornalista, autore, critico musicale. Dopo numerose esperienze radiofoniche e televisive, ha fatto parte della redazione del mensile Tutto Musica e del settimanale Panorama (Mondadori). Dal 2015 conduce i talk show del Panorama d’Italia Tour, con interviste “live” ai protagonisti della musica italiana.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *