L'agenda di Joi
Cultura
Gli ebrei e la dittatura sanitaria: a processo Cassandre Fristot, leader no vax in Francia

Antisemitismo e teorie strampalate: chi è l’insegnante francese diventata simbolo delle posizioni no vax. Sospesa dalla scuola e finita sotto processo…

In Francia, come in altri paesi europei la protesta no vax ha preso forma in manifestazioni animate da persone che sfilano con la stella gialla appuntata sul petto. Un modo per sostenere una tesi assurda, antistorica, quanto indifendibile ,e cioè che i no vax di oggi sarebbero sarebbero sottoposti a discriminazioni paragonabili a quelle subite dagli ebrei ai tempi della Shoah. E così in Francia si sono visti cartelli  con scritte tipo «Mais qui?» (ma chi?), che, come racconta il Corriere della Sera, “chiedono retoricamente chi sarebbero gli artefici di questa nascente dittatura sanitaria. La risposta implicita è gli ebrei”.

In questo contesto si inserisce la figura di Cassandre Fristot, 33 anni che su quel cartello indica esplicitamente quelli che secondo lei sarebbero “i traditori”: Fabius, Attali, Buzyn, Attal, Véran, Drahi, Salomon, Soros, K.Schwab, Bhl, Ferguson e e il presidente Macron.

Tra qualche giorno Cassandre Fristot, 33 anni, supplente di tedesco a Hombourg-Haut, finirà in un’aula di tribunale processata a Metz per «incitazione pubblica all’odio razziale. Rischia un anno di carcere e una multa da qualche decina di migliaia di euro.

Il suo cartello ha però innescato la reazione da parte del Ministro dell’Educazione francese Jean Michel Blanquer che ha espresso la sua posizione in un tweet molto esplicito: “L’antisemitismo è una piaga della società.È anche un crimine che deve essere combattuto. Poiché la persona che ha mostrato il cartello antisemita ieri è un’insegnante, sarà sospesa in attesa di un’azione disciplinare“.

La Fristot è stata candidata del Fronte Nazionale alle elezioni legislative del 2012, ottenendo il 13% dei voti nella quarta circoscrizione della Mosella, e consigliere di opposizione a Hombourg-Haut tra il 2014 e il 2020, nelle fila del Parti de la France. hit fronte Nazionale, delusi dalle linea politica di Marine Le Pen


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *