Cultura
Make you feel my love, il brano cult di Bob Dylan che vanta 500 tentativi di imitazione

Una canzone stupenda, ma poco conosciuta, ha fatto innamorare centinaia di artisti. Che hanno voluto renderle omaggio. Da Neil Diamond ad Adele…

Nella carriera di un artista ci sono le hit e poi ci sono i brani classici, ovvero quelle canzoni che non sono mai state pubblicate come singolo, ma che per le più svariate ragioni sisono impresse nelle memoria collettiva. Del pubblico, ma anche dei colleghi artisti.

Uno dei casi più eclatanti in questo senso è Make you feel my love di Bob Dylan. Un brano bellissimo contenuto nell’album Time Out Of Mind (prodotto da un genio chiamato Daniel Lanois). vincitore di tre Grammy Award nel 1998.

Bene, ad oggi, Make you feel my love è stata reinterpretata oltre 500 volte da altrettanti artisti. Un numero di remake incredibile se si pensa la canzone non ha mai ottenuto un airplay radiofonico e che ai tempi dell’uscita era stata recensita tiepidamente, se non negativamente dalla maggior parte dei critici musicali.

Il dettaglio più intrigante e divertente riguardo la storia di questo brano è che a ricantarlo sono stati artisti provenienti da mondi musicali estremamente diversi tra loro e che in comune avevano solo la passione per questa gemma firmata dal vecchio Bob, un pezzo che parla il linguaggio universale della musica che arriva al cuore e all’anima. Tra le centinaia di cover in circolazione vi segnaliamo quelle di Neil Diamond, Billy Joel, Adele, Bryan Ferry, Garth Brooks, Ed Sheeran, Boy George e Joan Osborne.

Gianni Poglio

Giornalista, autore, critico musicale. Dopo numerose esperienze radiofoniche e televisive, ha fatto parte della redazione del mensile Tutto Musica e del settimanale Panorama (Mondadori). Conduttore dii talk show per Panorama d’Italia Tour, con interviste “live” ai protagonisti della musica italiana e di dibattiti tra scienza ed intrattenimento nell’ambito di Focus Live, ha pubblicato per Electa Mondadori il libro “Ferdinando Arno Entrainment”


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *