Cultura
Pittsburgh, un anno dopo la strage: un simbolo contro l’odio

L’obiettivo, ora, è quello di riaprire la sinagoga con un memoriale per le vittime, di trasformarla in qualcosa che vada oltre il luogo di preghiera

Un anno. Tanto è trascorso dalla strage che ha causato la morte di undici persone ed il ferimento di sei. Forward.com dedica un articolo a quel tragico sabato quando Robert D. Bowers, il 46enne incriminato con 63 capi di accusa, iniziò a sparare al grido di: “Tutti gli ebrei devono morire”. Il Dipartimento di Giustizia intende chiedere la pena di morte per l’autore di questo crimine, il più grave atto antisemita della storia americana.

Forward racconta di un anno trascorso nel dolore, nel tentativo di aiutare dal punto di vista psicologico e finanziario i parenti delle vittime (sono stati raccolti in tutto oltre sei milioni di dollari) ma anche i sopravvissuti, traumatizzati ricordi ed immagini che non se ne andranno mai dalla loro memoria. Come il volto di una donna rimasta impietrita dopo aver scoperto che suo marito era tra le vittime.

In quanto scena del crimine, la sinagoga è rimasta chiusa per molto tempo. Tutto intorno una recinzione una recinzione tappezzata di disegni e dipinti di bambini. Alla sinagoga facevano riferimento tre congregazioni: Tree of Life or L’Simcha, New Light e Dor Hadash.

Ho guardato la mia sinagoga; sembrava una pietra tombale”, ha raccontato a Forward Judah Samet, internato da bambino nel campo di concentramento tedesco di Bergen-Belsen, arrivato alla sinagoga lo scorso 27 ottobre un attimo dopo la strage: “Siamo di nuovo gli ebrei erranti in America, Non abbiamo una casa. Questa è l’unica cosa che mi preoccupa davvero. ”

L’obiettivo, ora, è quello di riaprire la sinagoga con un memoriale per le vittime, di renderla qualcosa che vada oltre il luogo di preghiera, di trasformarla in un messaggio potente e chiaro contro ogni forma di odio. Spiega Sam Schachner, presidente di Tree of Life: “Trasformeremo la tragedia in trionfo, i lutti e le perdite in vita e amore”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *