L'agenda di Joi
Voci
Supereroi? Per gli Ebrei, impossibile farne a meno

È risaputo che tra i creatori dei personaggi più famosi dei fumetti ci siano molti ebrei. Meno risaputo è che vi sia una “lega di supereroi” composta da ebrei ortodossi con dei superpoteri che praticano le mitzvot nel nome della giustizia!

Noi ebrei abbiamo sempre avuto una grandissima passione per i supereroi. Non c’è niente di più consolatorio, quando sei nei guai e qualcuno sta per menarti o ancor peggio ucciderti, dell’appellarsi a un tizio dotato di superpoteri e in grado di aprire in due il Mar Morto o provocarti una moria di nemici. Insomma, a noi piacciono un sacco questi miracoli scenografici e drammatici, che impressionano il bruto e mandano in sollucchero la mancata vittima. Del resto, la descrizione dell’intervento del Re dell’Universo “con mano forte e braccio disteso” non ci ricorda qualcosa? Mano forte e aperta, braccio disteso in avanti, in linea con il corpo. L’altro braccio, questo non ci viene detto, resta lungo il corpo. Non l’avete riconosciuto? RAGA, TRANQUILLI: ARRIVA SUPERMAN!

Non vi parlerò quindi del ruolo dei disegnatori ebrei nella nascita dei supereroi moderni, diventati familiari in tutto il mondo – ne hanno parlato in molti. Né di quanto ebraismo si nasconda o emerga in modo palese in tanti personaggi dotati di doppia vita e superpoteri. E nemmeno dell’influsso supereroico della leggenda del Golem di Praga, una via di mezzo tra l’incredibile Hulk e “la Cosa”, il mostruoso eroe dei Fantastici Quattro, il cui nome all’anagrafe guarda caso era Benjamin G. Green.

 

Tagliando corto: di che vi parlo? Dei supereroi ebrei più scoperti, più smaccati, meno universali e meno famosi. Sono quelli dei Jewish Hero Corps, le cui storie, create da Alan Oirich e disegnate da Ron Randall, portano titoli che già parlano da soli: “The Secret of the Solar Succah” “Amnesia Countodwn” – il tema portante è quello dei perfidi Fobot che cercano di cancellare il ricordo di tutto ciò che è ebraico.
I nomi dei supereroi in questione sono altrettanto rivelatori: Menorah Man le cui otto braccia all’occorrenza sparano fiammate, Matzah Woman (i cui superpoteri derivano dall’aver ingerito accidentalmente un’azzima radioattiva), Shabbas Queen, ovviamente in grado di bloccare per 24 ore esseri umani e dispositivi elettronici (non sognarti di accendere il televisore, se non vuoi che la regina dello Shabbat blocchi te e l’apparecchio!). Il mio preferito però è Minyan Man, che ovviamente si scinde in dieci esseri umani, risolvendo ogni problema di raggiungimento del quorum necessario alla preghiera pubblica.

Aman, Amalek, faraoni siete avvisati: per voi non c’è speranza.

Marina Morpurgo
Redazione JOI Mag

È nata a Milano nel 1958 e da allora ha deluso quasi tutte le aspettative, specie quelle relative a peso e altezza. Manca di senso del tragico, in compenso riesce a far ridere – purtroppo anche quando non è nelle sue intenzioni. Ex giornalista (“l’Unità”, “Diario”), ora traduttrice, ha scritto sette libri per ragazzi e alcuni manuali scolastici. E quattro libri per adulti, di cui l’ultimo è “È solo un cane (dicono)”, pubblicato da Astoria, e in cui racconta come la sua famiglia si salvò dal nazifascismo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *