Cultura
Hebrew Music Museum: un angolo di magia a Gerusalemme

Un affascinante viaggio nelle radici della musica ebraica attraverso le sette principali diaspore che sono alla base di queste tradizioni musicali

Il Museo della Musica Ebraica è parte della magia di Gerusalemme. Situato a Nahalat Shiva (l’indirizzo YO’EL MOSHE SALOMON, 12), uno splendido quartiere antico nel centro della città, l’Hebrew Music Museum è un affascinante viaggio nelle radici della musica ebraica in luoghi lontani del mondo. Un viaggio tra strumenti rari e antichi appartenenti a diversi periodi storici che sono messi in mostra in sette stanze progettate secondo diversi stili culturali e musicali.

Due le opzioni per muoversi tra le stanze del museo: una visita indipendente utilizzando la tecnologia audiovisiva o una visita di gruppo gestita da una guida.  Il museo propone un affascinante tour a base di contenuti interattivi guidato da “Nonno Levy”, un personaggio animato che accompagna la visita con spiegazioni e informazioni sugli strumenti e sui canti liturgici e di altro tipo delle varie diaspore. Un percorso intrigante e affascinante al tempo stesso attraverso le sette principali diaspore che sono alla base di queste tradizioni musicali. Ogni diaspora gode di uno spazio proprio, progettato ad hoc.

All’ingresso al museo viene consegnato un tablet che guida nell’esplorazione dei 7 diversi spazi espositivi , ognuno dei quali caratterizza una cultura diversa attraverso decorazioni, suoni, strumenti musicali, manoscritti appartenenti a diversi periodi. Un’esperienza di realtà virtuale è possibile attraverso il sistema di cuffie Occulus Rift che consentono un tour audiovisivo tridimensionale attraverso la musica.

I sette spazi sono dedicati alle tradizioni musicali dell’Asia centrale, del Marocco, dell’Andalusia, dell’Iraq, dell’Egitto e alle sonorità Ashkenazite-europee, balcaniche, afro-ebraiche e yemenite. Indirizzando il tablet verso una foto sul muro, è possibile ottenere la breve storia di ogni regione. Puntando la stessa immagine accanto alle casse armoniche degli strumenti è possibile leggere una descrizione dello strumento ed ascoltare come suona. Dai tamburi primitivi agli strumenti fatti con gusci di armadillo, fino a un moderno violino elettrico.

Per la Virtual Visit, clicca qui

Gianni Poglio

Giornalista, autore, critico musicale. Dopo numerose esperienze radiofoniche e televisive, ha fatto parte della redazione del mensile Tutto Musica e del settimanale Panorama (Mondadori). Conduttore dii talk show per Panorama d’Italia Tour, con interviste “live” ai protagonisti della musica italiana e di dibattiti tra scienza ed intrattenimento nell’ambito di Focus Live, ha pubblicato per Electa Mondadori il libro “Ferdinando Arno Entrainment”


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *